Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in comments
Search in excerpt
Search in posts
Search in pages
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Categories
artisti locali
blog
Cultura ed eventi
Innovazione tecnologica
Moda e design
progetto tilgher
Risorse del territorio
Storia locale
Tradizione e folklore
Residenti e villegianti dal primo dopoguerra fino agl’anni 30 del 900
20 giugno 2016
0
residenti

Prosegue la cronistoria dei residenti e villegianti della Resina di quel tempo. Continuando dal 1918 leggiamo anno per anno le varie personalità illustri che hanno trascorso le loro estati a Resina :

1918

24 settembre 1918: Angelo Pompameo a villa Passaro.

27 settembre 1918: Rina Talamo presso la cugina Ester de Liguori di Presicce, villa omonima. 30 settembre 1918: ballo alla Favorita. 12 ottobre 1918: festa, a villa Aprile, a favore delle cucine gratuite per i poveri. 31 luglio 1919: si celebra a S. Paolo del Brasile il matrimonio tra Ida Matarazzo, figlia del conte Francesco, con Davide Mele, gentiluomo napoletano. L’eco dell’avvenimento giunge anche a Resina, dove il conte Matarazzo ha acquistato da qualche anno la villa che fu del senatore Calcagno.

1919

3 agosto 1919: a villa Aprile il duca e la duchessa Morbilli con i figliuoli.

21 agosto 1919: prima rappresentazione ad invito, al teatro Favorita, del lavoro «Creso si diverte». Vi prendono parte Teresa d’Asta e Maria Marinelli, Alessandro Piscicelli, Sergio Sergio, Gennaro Caputo e Carlo Contessa, oltre al principe di Santobuono.

22 agosto 1919: riunione intima in casa del principe di Santobuono. Si fa della buona musica da parte delle signorine Serpone e del tenore Riccardo Bossa. Nei brani dell’Arlesiana, della Fedora, della Tosca. dei Pagliacci. della Manon ed in varie romanze da camera, il pubblico ne è entusiasta. Al pianoforte siede il valoroso Umberto Mazzone.

5 settembre 1919: replica, alla Favorita, della riunione precedente.

10 settembre 1919: spettacolo di beneficenza, sempre alla Favorita, pro orfani di guerra.

1920

23 luglio 1920: corso di recite (quattro spettacoli), nel teatro della Favorita, in favore della Scuola corale A. Scarlatti.

26 agosto 1920: il marchese Francesco Santangelo nella sua villa di via Quattro Orologi.

1921

14 luglio 1921: la marchesa Teresa Santangelo De Santis a villa Santangelo.

2 agosto 1921: annunciata festa di beneficenza a pro della Società Antitubercolare, sotto il patronato di S.A.R. la duchessa d’Aosta.

9 agosto 1921: il prefetto Pesce inaugura il Liceo-ginnasio, che avrà purtroppo vita breve, nel palazzo Tarascone. Presenti, tra gli altri, l’ ono Porzio, l’ono Beneduce il provveditore agli studi Cotronei.

14 settembre 1921: arte e danze alla Favorita. 22 luglio 1922: l’illustre Giuseppe Lustig, presidente di Corte d’appello, a Pugliano.

1922

26 luglio 1922: ospiti della Favorita, il duca e la duchessa di Casteldisangro con le figlie Margherita e Bice; il barone e la baronessa Sergio con la figlia Giuseppina; donna Livia Roberti Nicolò e la piccola Anna; il maggiore Fiorentino e signora; il colonnello Bucci e la consorte; l’avv. Domenico Gambardella e la moglie, Maria Lomonaco.

11 agosto 1923: gite serali al Vesuvio (prenotazioni all’ufficio Cook nella Galleria Vittoria a Napoli; alle comitive di 25 persone, concessa una riduzione del 20%).

1923

9 settembre 1923: avvenimento d’arte alla Favorita; orchestra del San Carlo nel parco.

25 settembre 1923: congressisti ingegneri al Vesuvio, guidati da Ettore Di Luggo (direttore della ferrovia vesuviana).

1924

24 luglio 1924: il duca Gennaro Caputo di Ferrarese a Villa Tosti di Valminuta. 8 agosto 1924: onomastico, a Villa Vargas, di Bianca Giusso Del Galdo, principessa di Casapesenna.

13 agosto 1924: l’avv. Nicola del Plato a Villa De Bisogno; Carlo Padovani e Erminio Toro al Belvedere; il cav. Rossetti ai Pini d’Arena; iì rag. Aristide Andreoli a Villa Checchina; la signora Li via Roberti Nicolò, la contessa Caracciolo di Sarno, la contessa Bice Caracciolo della Scala a Villa Coppola; l’ing. Maurizio Creton a Villa Ummarino.

14 agosto 1924: esposizione d’arte alla Favorita, allestita da un comitato organizzatore di cui fanno parte il marchese Costa, il comm. Bovio, il prof. Cesareo, il comm. Zambrano e il signor Rondino.

1925

17 luglio 1925: la signora Rosa della Noce Ferrante col marito, capit. Edmondo della Noce, a Pugliano, villa Rossano.

28 luglio 1925: la signora Maria Lomonaco col marito, avv. Domenico Gambardella, alla Favorita.

9 agosto 1925: la contessa Linda Caracciolo, il cav. Pasquale Moccia e l’avv. Renato Buonincontro al Miglio d’oro.

11 agosto 1925: al teatro Ercolano programma eccezionale con i noti artisti Pasquariello, Diego Giannini e Gilda Mignonette.

10 agosto 1925: sempre al teatro Ercolano, altro magnifico spettacolo con Armando Gill.

12 agosto 1925: la contessa Correale Rossi nella sua villa; anche a Resina il conte Renato Gualtieri e la marchesa di Pietravalle.

22 agosto 1925: brillantissima quest’anno la villeggiatura al Miglio d’oro. La mattina il convegno è sulla spiaggia della Favorita, che è affollatissima di belle dame e di vezzose damigelle. Notate: la principessa di Casapesenna Giusso, la duchessa di Policastrello Englen, la contessa Beatrice Nardone, la contessa di Valminuta con la signorina Angelina, la signora Forges Davanzati la marchesa del Prete di Belmonte, la baronessa De Meis, la marchesa Arcucci De Bisogno con la signorina Sofia, la signorina Giulia Piscicelli, la signorina Bianca Gualtieri, la signora Matozzi Scafa, la signorina Fernanda Padovani, il duca Achille Lambiase di Policastrello, Riccardo Caracciolo di Santobono, Giacomo Nardone, Guido Rodinò, Gino Correale, Antonio Giusso, Eduardo Wittmann.

18 settembre· 1925: ha luogo negli splendidi saloni della Favorita una riunione del Comitato d’onore per una serata di beneficenza a pro delle opere solidali del Fascio femminile di Portici. Il principe di Santobuono, presidente del Comitato organizzatore, dà la parola all’avv. Umberto Aprile che espone agli intervenuti il programma che si va preparando. Le recite avranno luogo il 24 sera e il 27 in mattinata. I biglietti sono in vendita alla Favorita, a Villa Leopoldina e presso l’avv. Valente, presidente del Circolo Estivo di Portici.

1926

3 luglio 1926: il generale Gaspare Amaturi a Villa Carpentieri.

13 luglio 1926: il principe di Santacroce a Villa Falliero.

20 luglio 1926: l’avv. Mario Calenda, con la consorte Silvia Calenda Pagliano, a Villa Oliva, Pini d’Arena. 10 agosto 1927: l’ avv. Guido Trapani dei marchesi di Petina a Villa Abatemarco.

1928

2 agosto 1928: il tenente Achille Carbone a Villa Volpicelli.

3 agosto 1928: la signora Bice Biondi De Rosa a Villa Battista; l’ avv. Enrico Mastellone a Villa Liguori; il prof. avv. Giuseppe Lafragola a Villa Ascione, Pini d’Arena.

4 agosto 1928: Raimondo Grimaldi a Villa Durante.

5 agosto 1928: il notaio Gennaro D’Anna alla Favorita.

7 agosto 1928: Riccardo CucciolIa a Villa Falco.

1933

villafavorita

Papaccio Salvatore

Salvatore Papaccio

30 luglio 1933: un pubblico elegantissimo affolla il meraviglioso parco della Favorita per la grande festa di beneficenza organizzata dalla principessa di Casapesenna, dal principe di Santobuono e dal barone De Meis. I vari numeri del programma sono tutti interessanti: fiera gastronomica, concerto di varietà, concerto bandistico, proiezione di un film sonoro, tarantella sorrentina, danza al ritmo di jazz.

Pubblico anche da Napoli. Il biglietto d’ingresso costa lire 1,50 per adulti e 0,50 per ragazzi. Assicurato uno speciale servizio di tram tra Napoli e la Favorita.

Il parco della Favorita -che s’è arricchito di graziosissimi chioschi, tutti ricchi di premi, sistemati negli angoli più suggestivi -fa da degna cornice alla più elegante giovinezza napoletana. Molto applauditi i tenori Papaccio e Parise.

2 agosto 1933: la principessa Falconieri, con i figliuoli Guidobaldo e Francesco, alla Favorita.

8 agosto 1933: l’ono avv. Augusto De Martino a Villa propria.

11 agosto 1933: il dottor Vittorio Buongiorno a Resina.

12 settembre 1933: la villeggiatura a Resina fa registrare quest’ anno il “tutto esaurito”. Ecco un elenco degli importanti ospiti: on. Augusto De Martino, on. Vincenzo Tecchio, dott. Leopoldo Cua, marchese Alfonso De Bisogno, cav. Eugenio Celentano, conte Gaetano Grassi, marchese Russo Cardone, comm. Vittorio Matera, comm. Antonio Iodice, comm. Ernesto Santucci, avv. Pasquale Giordano, ing. Mario Rodinò, conte Francesco Matarazzo, comm. Eugenio Ciliberto, prof. Giuseppe Pennetti, prof. Giuseppe Celano, principe Giovanni Caracciolo di Santobuono, barone Giuseppe De Meis, avv. Eugenio Stassano, ing. Ugo Iaccarino, avv. Francesco Cacciapuoti, avv. Francesco Caramiello, avv. Gaetano Scognamiglio, marchese Francesco Santangelo, avv. Attilio Sica, ing. Nicola Nappi, dottor Vincenzo Liccardi.

1934

28 luglio 1934: festa campestre alla Favorita. La folla dei villeggianti di Resina, Portici, Bellavista, Torre del Greco e di altri comuni si dà convegno nella suggestiva villa per trascorrere un pomeriggio assai lieto e per compiere un’azione meritevole a favore dell’Opera Maternità ed Infanzia e per l’Associazione infermi poveri a domicilio.

28 settembre 1934: al teatro Ercolano spettacolo di beneficenza.

1935

5 agosto 1935: anche quest’ anno viene celebrata nel parco della Favorita la tradizionale Kermesse a favore degli infermi poveri, organizzata dall’Associazione delle Dame di Carità presieduta dalla Principessa di Casapesenna . Partecipano artisti della piu’ chiara fama in primis Giuseppe Godono. Il cav. Ciro Esposito offre uno spettacolo cinematografico proiettato sullo schermo teso nel parco. Attrazioni diverse allietano i partecipanti.

21 agosto 1935: la signora Funari a villa propria, Pugliano; la signora Rosa Della Noce Ferrante e la figlia Antonietta a Villa Rossano.

1936

30 luglio 1936: la Favorita, acquistata dal Governo, sta per diventare Collegio Militare.

1937

12 maggio 1937: «Lungo la linea del “55”, ad ogni balcone e terraneo lingueggia una fiaccola tricolore. Portici, Resina, il Miglio d’oro!: una strada di ville che lungamente scendono al mare, da Herculaneum a Torre, in un pulviscolo dorato, in un’ aria sottile, in uno sfarzo di merletti di fiori sgargianti, che sembrano di smalto profumato. Sul Miglio d’oro è un clima d’amore all’essenza di magnolie, e di un’eternità balsamica…» (Cangiullo).

16 luglio 1937: Manifesto teatrale «Teatro Ercolano -Addio della Compagnia drammatica musicale di Giuseppe Ascoli -Ritorna, amore -Vi agirà tutta la Compagnia».

1938

10 agosto 1938: si delinea il successo del Giro ciclistico del Vesuvio, terza manifestazione della Polisportiva Ercolanese, al quale hanno assicurato la loro partecipazione i migliori sportivi di Napoli e dintorni. La gara di SO km. prenderà il via dalla Casa Littoria di Resina, in via Quattro Novembre.

Sono gli ultimi momenti di spensieratezza interrotti bruscamente dallo scoppio della seconda guerra mondiale.

Fonte: Ciro Parisi, Profili e figure di Ercolano, 2005

Informazioni autore

Ex Dirigente delle Poste in pensione Profondo conoscitore e memoria storica cittadina quale resinese prima ed ercolanese poi.