Il feudo di capracotta la sua storia e il legame storico fra capracotta ed ercolano

0 4 anni fa

L’avvocato napoletano Francesco Jodice D’Enza ha voluto donare al Comune di Capracotta la riproduzione di un antico documento relativo al “Feudo di Capracotta”, il cui originale è custodito nell’archivio di famiglia della nonna paterna dell’Avvocato D’Enza, Donna Ida Jodice D’Enza Capece Piscicelli dei Duchi di Capracotta. L’avvocato D’Enza ha un doppio legame con Capracotta. Infatti oltre al legame da parte della nonna paterna, ha voluto ricordare che Adele Cardarelli, sorella del Prof. Antonio Cardarelli, Senatore del Regno, suo avo materno, aveva sposato l’avvocato capracottese Luigi Campanelli.

L’antico documento, composto da 76 pagine manoscritte, contiene l’intero incartamento dell’acquisto del feudo di Capracotta nel 1673 da parte del patrizio napoletano Andrea Capece Piscicelli: dalla pubblicazione del bando di vendita fino alla cerimonia di consegna formale del feudo da parte del viceré  nelle sale del Palazzo Reale di Napoli. All’ultima pagina riporta la data del 23 agosto 1674. La riproduzione del prezioso documento resterà esposta e conservata nel Museo Comunale di Capracotta.
L’amministrazione comunale ringrazia l’Avvocato D’Enza per aver voluto arricchire la nostra comunità con il pregevole documento.

«Ho parlato qualche settimana fa con un congiunto dei Duchi D’Enza per acquisire il documento e consegnarlo al Comune- afferma Francesco Di Rienzo, segretario dell’Associazione Amici di Capracotta-. Sono davvero molto contento che l’avvocato D’Enza, invece, abbia provveduto direttamente a recapitarlo a Capracotta. Nonostante che i D’Enza siano soltanto imparentati con i Duchi di Capracotta (Piromallo Capece Piscicelli), sono molto legati affettivamente alla nostra cittadina. Un gesto che rende onore alla loro grande nobiltà d’animo».

Il progetto di recupero e restauro di palazzo capracotta di ercolano.