Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in comments
Search in excerpt
Search in posts
Search in pages
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Categories
artisti locali
blog
Cultura ed eventi
Innovazione tecnologica
Moda e design
progetto tilgher
Risorse del territorio
Storia locale
Tradizione e folklore
Harry Truman in visita agli scavi di Ercolano nel 1953
maggi_truman

In una nostra intervista telefonica il prof. archeologo Giuseppe Maggi come già riportato nel suo libro “Archeologia e ricordi” – Ed. Tullio Pironti 2003, ci racconta del suo incontro con l’ex Presidente degli Stati Uniti Harry Truman  (Presidente dal 12 aprile 1945 al 20 febbraio 1953) durante la visita di quest’ultimo presso gli scavi di Ercolano nel 1953, anno in cui lo stesso Truman avendo da poco terminato l’incarico di Presidente si concesse un viaggio in Europa.

“Era il 1953 e dovevo accompagnare l’ex presidente USA Harry Truman poichè all’epoca ricoprivo l’incarico di Direttore degli scavi di Ercolano con soprintendente Amedeo Maiuri. Arrivai all’appuntamento un po’ in ritardo in quanto provenivo da Napoli e l’ex Presidente mi apparve un po’ seccato.

Lo accompagnai in uno dei luoghi piu’ caratteristici degli scavi di Ercolano ovvero la Casa dell’atrio a Mosaico come testimoniato dalla foto. Però come molti americani era una persona pragmatica. Mi dette l’impressione di non essere molto interessato agli scavi, ma di volere soltanto affermare di averli visitati.”

Ricordiamo ai nostri lettori che il prof. Giuseppe Maggi ha dato un grande contributo alla rinascita degli scavi di Ercolano, già nel 1954 con i primi lavori di demolizioni  a Via Cortili e via Mare per riportare alla luce gli edifici sottostanti.

Il nome di Giuseppe Maggi è apparso sui più autorevoli giornali e periodici del mondo – dal New York Times al Washington Post, al Times, Le Monde, Die Zeit, Selezione, Cambio, National Geografic ecc. – quando negli anni Ottanta ha cambiato la storia dell’antica Ercolano dimostrando che durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. gli abitanti non avevano evacuato la città, come si pensava.
Si erano ammassati in ambienti presso la spiaggia nella speranza di un’impossibile fuga via mare, colti dalla morte in inestricabili grovigli di corpi.

E’ stato anche Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli per dieci anni.

Noi Ercolanesi dobbiamo molto a questo studioso per aver speso una vita intera per portare alla luce e conservare al meglio un tesoro dell’umanità intera ovvero il parco degli scavi di Ercolano.

Si ringrazia il Prof. Giuseppe Maggi per la sua disponibilità e per la concessione delle foto nel presente articolo.

Informazioni autore Nicoletta Cozzolino

Architetto e libero professionista. Già membro della commissione ambientale del Comune, ha partecipato ad alcuni progetti sul territorio. Membro dell'associazione VITRUVIO "Associazione Tecnici, Territorio e Ambiente", collabora con il blog dal 2014.