Due vite allo specchio : Un legame che continua all’inasegna delle arti

0 2 anni fa

Si usano gli specchi per guardarsi il viso,e si usal’arte per guardarsil’anima.

(GeorgeBernardShaw)

 

Un animo sensibile non può non ritrovare,in questo aforisma,il compendio di una carica emozionale che è in grado di guidare per mano il proprio approcciarsi al mondo dell’arte.

E’proprio quello che vuole trasmettere l ’artista Erminia Sannino nel ricordare il padre Antonio a due anni dalla sua dipartita: non una semplice esposizione pittorica, bensì un itinerario che, partendo dall’immagine su tela,conduce ciascun visitatore ad una riscoperta dei valori,delle emozioni, delle sensazioni delle quali la nostra anima è ricca ma che,presi dal turbinio dell’arrivismo sociale e dei ritmi stressanti odierni, non riescono sempre ad emergere.

Partendo dalla sua esperienza personale di figlia e donna dai mille volti artistici,Erminia Sannino vuole trasmettere al pubblico tutto ciò che ha ereditato dalla vena artistica del padre e che,e ternato nella pittura, offre un bagaglio sensoriale che da essa promana ed’investe l’osservatore, raccontando la sua vita. “Terra,fuoco ed acqua” è il tema della mostra: un richiamo agli elementi essenziali che originano lavita, con l’auspicio che ciascuno possa scoprire ciò che di bello e positivo può originarsi attraverso la propria esistenza, e se è vero che l’arte non conosce confini è altrettanto necessariochel’evento non sialimitato ad una singola espressione artistica ma abbracci,come in un afflato,varie sfaccettature di questo spazio senza confini:un naturale connubio tra pittura et eatro. Dunque,“un’oasi presso cui ritemprare la nostra anima”,in questo modo potremmo sintetizzare la MOSTRA BIPERSONALE di Erminia ed Antonio Sannino, che aprirà le sue porte VENERDI 2 MARZO ALLE ORE19, presso LE SCUDERIE DI VILLA FAVORITA inCorsoResina,330–Ercolano, con unVERNISSAGE e proseguirà fino al 15marzo attraverso un programma ricco di eventi che non deluderà le aspettative di coloro che parteciperanno.