Annarita Amoroso la ragazza di Ercolano che fa tremare la Merkel

0 4 anni fa

Nel solito giro tra le eccellenze attuali che troviamo sul territorio vi raccontiamo la storia di una giovana neo laureata in Scienze Politiche un’orgoglio ercolanese ovvero la Dott.ssa Annarita Amoroso.

La Dottoressa Annarita Amoroso ha intrapreso una sfida non comune ai suoi coetanei: sfidare il colosso teutonico sul suo stesso terreno, i Trattati dell’Unione Europea.

La giovane Annarita inizia a fare ricerche sulla proposta del ministro dei Trasporti tedesco Alexander Dobrindt di introdurre il pedaggio sulle autobahn solo per i cittadini stranieri che percorrono la rete autostradale tedesca, realizzando così una palese violazione del “divieto di discriminazione basato sulla nazionalità”. Si tratta di una misura fortemente voluta dal Governatore della Baviera e che porterebbe alle casse dello Stato un guadagno di 500 milioni di euro l’anno. Annarita invia un’email alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo, la sua petizione viene iscritta a ruolo e inizia il countdown. Poche settimane fa, la Commissione Europea invia un’email ad Annarita informandola di aver avviato la procedura di infrazione nei confronti della Germania. La notizia stuzzica l’interessa della stampa locale, Metropolis e Roma, fino ad essere oggetto di servizi in trasmissioni televisive e radiofoniche.

11205535_10207961298821005_6181565031900905447_nSi comincia con un servizio al Tg1 delle 20, in cui a Valentina Bisti la giovane spiega di non essere antitedesca ma di voler dimostrare che la Germania non può assurgere il diritto di definirsi paese europeista, quando le sue politiche dimostrano palesemente il contrario. Il giorno dopo Annarita è invitata alla trasmissione di Rai Tre Agorà Estate e si confronta con il Professor Mario Monti, che plaude alla sua iniziativa sostenendo che “lo stradominio della Germania può essere evitato soltanto se la Germania è vincolata da una serie di regole che impediscono le discriminazioni contro cui la signorina si è giustamente appuntata”. A fine luglio la giovane Annarita partecipa alla trasmissione radiofonica “Si può fare” : in quell’occasione ha la possibilità di dimostrare come il Sud Italia non solo è terra di giovani talenti ma anche che le Università del Mezzogiorno, nonostante i continui tagli alla Ricerca, sfornano eccellenze pronte a contribuire alla crescita del Sud per rilanciare un territorio da sempre ingiustamente considerato la zavorra d’Italia.

Verso la metà di agosto partecipa in diretta alla trasmissione UNO MATTINA ESTATE in rappresentanza dell’orgoglio italiano ed anche in quella occassione con grande eloquenza ha saputo richiamare all’attenzione gli europarlamentari italiani presenti in trasmissione.

Fotogallery rassegna stampa che hanno scritto su Annarita e sulla sua petizione

 

 

 Sfoglia gli atti del parlamento europeo in merito alla sua petizione.

 

[real3dflipbook id=”6″]

 

Tutto il materiale ci è stato gentilmente fornito dall’interessata.

profilo