Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in comments
Search in excerpt
Search in posts
Search in pages
Search in groups
Search in users
Search in forums
Filter by Categories
artisti locali
blog
Cultura ed eventi
Innovazione tecnologica
Moda e design
progetto tilgher
Risorse del territorio
Storia locale
Tradizione e folklore
In superabili conosci la disabilità evita le barriere la fan page ufficiale
insuperabii

Vi segnalo questa bellissima fan page che si occupa di diversamente abili e dell’abbattimento delle barriere architettoniche.

fan page In superabili

#unpaesesenzabarriereeunpaesepiulibero

Conosci la disabilità evita le barriere architettoniche ma soprattutto culturali i disabili sono e possono diventare una risorsa per tutti perché hanno una marcia in più.

webmaster

Informazioni autore webmaster

CMS WordPress, Joomla, Prestashop. Open source community membership. Referente sul territorio Informatica Solidale.

Arthistorie mostra collettiva dal 2 giugno alle scuderie di Villa Favorita ad Ercolano
maggio 31, 2017
0
arthistorie

Si inaugura venerdì 2 giugno alle ore 19.00 la mostra del Gruppo Artistico ARTHISTORIE  esporranno i seguenti artisti : Emilio Belotti, Luca De Martino, Amedeo Gabucci, Isabella Greco, Antonio Izzo, Pietro Pezzella, Alfonso Raiola , Raffaella Vitiello.

L’evento è promosso ed organizzato dall’Associazione Artistico – Culturale  ARTHISTORIE , con il Patrocinio del Comune di Ercolano. Con il contributo critico di Giovanni Cardone : “  Dietro ogni storia dietro ogni quadro, in una foto o in una scultura si nasconde una storia. Ciascuna di queste presenze umane evoca un mondo, richiama alla memoria, o alla immaginazione, una possibile narrazione. Non è solo figura, dunque, ma anche e soprattutto personaggio. I colori, le forme, le espressioni, i gesti, i contesti che caratterizzano le figure rappresentate hanno la forza, di volta in volta, di alludere a intrecci, situazioni, vicende, di cui quello che vediamo immortalato sulla tela, fissato sulla pellicola o plasmato nello spazio è solo un istante, un fotogramma, un momento forte in cui si condensano, in potenza, tutti i momenti futuri e si concentrano, come in una sorta di precipitato, tutti i momenti passati.

“Carpe diem”, insegna Orazio: cogli l’attimo. Anzi, non “cogli”, ma “afferra”, “ghermisci”, per fare una traduzione più puntuale. Ed è questo che fanno gli artisti di questa mostra, in ogni opera, ed è questo che a loro volta devono fare gli spettatori davanti a ciascuna opera, usando l’immaginazione..  Poi certo le modalità con cui i vari artisti selezionati “strappano l’attimo” sono molto diverse tra loro: diverse le poetiche, diversi gli stili. Ma comune è la capacità e la volontà, più o meno consapevole di condensare storie, emozioni, vicende nello spazio circoscritto di una singola opera, passando dalla dimensione “diacronica” della narrazione a quella “sincronica” dell’opera d’arte. E facendo di un quadro, una foto o una scultura un crocevia di situazioni. Un crogiolo.  Volendo poi seguire il filo rosso di una interpretazione in chiave teatrale delle diversità stilistiche e di poetica tra tutti questi autori, si evince che la parata di personaggi che attraversa questa mostra è decisamente variegata si va dalle presenze di : Emilio Belotti,  Luca De Martino, Amedeo Gabucci , Isabella Greco , Antonio Izzo, Pietro Pezzella , Alfonso Raiola , Raffaella Vitiello.   I vari personaggi cosmici  accanto ad  evanescenti figure poetiche oppure  accanto a solide presenze carnali, in una ridda di stili  mischiati tra loro che forse assomiglia alla tragicomica varietà di questi nostri tempi confusi. Tempi in cui facilmente la tragedia si risolve in farsa. E viceversa”

 

fonte:  https://www.gazzettadinapoli.it/notizie/arthistorie-mostra-collettiva-dal-2-giugno-villa-favorita-ad-ercolano/

sito istituzionale scuderie di villa favorita di ercolano :

Scuderie di Villa favorita ercolano

 

webmaster

Informazioni autore webmaster

CMS WordPress, Joomla, Prestashop. Open source community membership. Referente sul territorio Informatica Solidale.

Progetto “I Tesori Nascosti della Campania” presso piazza del Plebiscito dove si svolge la XXXI Edizione di Futuro Remoto
maggio 28, 2017
0
tesori nascosti campania

Le classi del Liceo Artistico partecipano con entusiasmo al Progetto “I Tesori Nascosti della Campania”, dove nell’incantevole piazza del Plebiscito si svolge la XXXI Edizione di Futuro Remoto sul tema “Connessioni”, per sottolineare la “volontà”di potenziare il dialogo tra i soggetti che producono e promuovono cultura.
Nell’ambito del Progetto “Project Management Skills for Life” il PRIMO PREMIO è assegnato all’alunna Luisa Caserta dell’indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing.

 

webmaster

Informazioni autore webmaster

CMS WordPress, Joomla, Prestashop. Open source community membership. Referente sul territorio Informatica Solidale.

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI SIMONE TOSCANO EDMUND BROWN ALLE SCUDERIE DI VILLA FAVORITA
maggio 27, 2017
0
presentazione libro edmund brown

Sabato 27 maggio alle ore 18.30 sarà presentato presso Le Scuderie di Villa Favorita il libro di Simone Toscano Edmund Brown Edito Youcanprint . Questo romanzo chiude la rassegna “ Incontri con gli Autori” organizzata e promossa dall’Associazione Internazionale Aster Academy di Roma con il Patrocinio del Comune di Ercolano. Interverranno : Prof.ssa Giuseppina Scognamiglio Docente di Letteratura Teatrale Italiana Università Federico II di Napoli, il Prof. Armando Maglione Docente di Sociologia della Letteratura, Università di Napoli “L’Orientale”, Modera Salvatore Perillo Giornalista . Saluti di Alessio Follieri Presidente Aster Academy International.

Edmund Brown è il nome del protagonista del romanzo che ha un potere che lo rende speciale, vedere in anticipo la morte delle persone, condizione che lo proietterà in molteplici situazioni che metteranno seriamente alla prova il suo rapporto con la vita e con gli altri. “Come vive un uomo costretto a sapere, a volte anche con decenni di anticipo, come e quando moriranno le altre persone? Com’è stare in ufficio, passare un documento al collega di fianco, e di colpo cadere in trance e vedere la morte futura di quell’uomo? Assistervi impotente, come in un orribile incubo. Prevedere come morirà il prossimo; se di una morte violenta, se di una malattia. Se ancora giovane, se molto vecchio. Come si può vivere con un oscuro segreto del genere senza impazzire? Senza cercare aiuto? Tutti cercano di non pensare alla morte, di ingannare le proprie esistenze con un giusto mix di impegni e felicità, cercando il più possibile di non pensare all’inevitabile momento in cui la fine arriverà per loro stessi o per le persone a loro care. Tutti, tranne Edmund Brown. Edmund Brown vive nella piccola comunità di Castrol, dove lavora come barista/barman alle dipendenze del burbero Jym Rodd. Ha 30 anni e convive con le agghiaccianti “visioni di morte” da quando era bambino. Ma la fragile barriera di normalità che ha costruito attorno al suo segreto sta per crollare… “

 

fonte: http://www.scuderievillafavorita.it/presentazione-del-libro-simone-toscano-edmund-brown-alle-scuderie-villa-favorita/

webmaster

Informazioni autore webmaster

CMS WordPress, Joomla, Prestashop. Open source community membership. Referente sul territorio Informatica Solidale.

“DIPINGIAMO LE EMOZIONI”: MOSTRA DIDATTICA DI PITTURA DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO “2° MASSAIA” DI SAN GIORGIO A CREMANO ALLE SCUDERIE DI VILLA FAVORITA
maggio 27, 2017
0
dipingiamo le emozioni

Ercolano. Venerdì 26 maggio, alle ore 19.00, a Le Scuderie di Villa Favorita ad Ercolano si inaugura la Mostra Didattica di Pittura degli allievi sez. “F” “G” “I”. Istituto Comprensivo “2° Massaia “ di San Giorgio a Cremano con il coordinamento della Professoressa Fulvia Iovine, anche grazie al Patrocinio del Comune di Ercolano.
La mostra si potrà visitare la mostra fino al 31 maggio 2017. Questo mostra didattica è nata per far conoscere l’arte pittorica alle nuove generazioni , ma nel contempo creare un confronto con i nuovi linguaggi. L’istituto comprensivo “2° – Massaia” comincia la sua storia nell’anno scolastico 2013/14, unendo le due scuole più antiche della città, quelle che, insieme, hanno già contribuito alla formazione umana, culturale e civile di centinaia di cittadini sangiorgesi. Le due scuole sono, infatti, poco distanti, perciò tanti alunni del 2° circolo, completata l’istruzione primaria, hanno continuato il loro percorso scolastico nella Massaia. Per diverse generazioni di sangiorgesi il concetto stesso di scuola si è identificato nella scuola ”Mazzini” considerato che la scuola materna e quella elementare, che poi hanno dato vita al ” 2° Circolo Mazzini” , hanno cominciato la loro attività nel 1920, in alcuni locali del palazzo comunale. Una decina d’anni più tardi questi stessi spazi, trasferite le classi di materna ed elementare al terzo piano del palazzo Dota, ospitarono una succursale della scuola media “Macedonio Melloni” di Portici. Erano solo poche classi, ma permettevano ai ragazzi sangiorgesi, che volevano continuare la scuola dopo quella elementare, di non allontanarsi dal proprio paese. Nel 1950 la ”Mazzini” si insediò nell’edificio scolastico che la ospita tutt’oggi. Era ancora l’unica scuola materna ed elementare del paese, e lo sarebbe rimasta fin quando, in seguito allo sviluppo edilizio verificatosi a cavallo degli anni’60/’70 , ed al conseguente incremento demografico, si rese necessaria la formazione di un nuovo circolo didattico nella parte nord del territorio comunale. I primi atti del “2° Circolo Didattico”, che comprendeva 4 plessi, risalgono all’ a.s. 1967/68. Anche le classi di scuola media aumentarono nel tempo, e con la riforma che rese obbligatoria la scuola media unificata, la succursale si staccò dalla “M.Melloni” e diventò la prima scuola media di San Giorgio a Cremano. L’edificio fu costruito in via De Lauzières, la strada nuova che era nata sul vecchio alveo Sansoni. La scuola fu intitolata al cardinale Guglielmo Massaia, un personaggio illustre che aveva soggiornato spesso in paese e vi si era spento alla fine del secolo scorso, e fu inaugurata nel 1964 dal preside Snichelotto.

Da questo momento la storia delle due scuole diventa cronaca che si intreccia con gli avvenimenti ed i personaggi di San Giorgio, infatti è ancora nella memoria cittadina l’ occupazione di un’ ala della scuola Massaia da parte di coloro che abitavano palazzo Bruno dopo il crollo nel 1978, o l’intitolazione all’agente di pubblica sicurezza Ciro Capobianco, ucciso in servizio, del plesso del 2° circolo ubicato nel quartiere in cui il giovane risiedeva.

 

fonte: http://www.scuderievillafavorita.it/dipingiamo-le-emozioni-mostra-didattica-pittura-dellistituto-comprensivo-2-massaia-san-giorgio-cremano-alle-scuderie-villa-favorita/

webmaster

Informazioni autore webmaster

CMS WordPress, Joomla, Prestashop. Open source community membership. Referente sul territorio Informatica Solidale.